SIAMO OPERATIVI AL 100% E GLI ORDINI VENGONO EVASI REGOLARMENTE

Ormeggi e Ammortizzatori

ORMEGGI E AMMORTIZZATORI



 

Nel gavone delle cime di ormeggio è molto utile avere una serie di cordami di vari tipi. Iniziamo da questi per analizzare meglio le nostre attrezzature destinate all’ormeggio.

La prima cosa da avere a bordo è una serie di almeno 6 cime d’ormeggio già impiombate ad una estremità, di diametro adeguato alle dimensioni della nostra barca. Ne occorrono almeno 2 della lunghezza doppia della barca e 4 della lunghezza della barca.
Il perché è presto detto: ipotizzando un classico ormeggio con trappa di prua, a poppa ne metteremo 2 (una per angolo) passate a doppino in genere, per rendere agevole la partenza e altre due come traversini a X per limitare i movimenti laterali dovuti alla risacca in porto. Le altre due rimanenti saranno disponibili in caso di maltempo per ulteriori punti di ormeggio. Inoltre, in caso di previsioni di venti molto forti di prua con disponibilità di una sola trappa, sarà utile armare uno stroppo di cima lungo un paio di metri che possa agguantare la trappa stessa a circa un metro o un metro e mezzo dal pulpito (con un nodo parlato ben fatto) e messa successivamente in forza sulla seconda galloccia a bordo al fine di suddividere il tiro su due gallocce.

Le situazioni sono varie e non consentono specifiche a meno che non torniate sempre nello stesso posto per il quale avete ormai tutte le misure. Se navigate veramente e cambiate spesso porto, saranno invece necessarie le cime summenzionate.

Ovviamente non dovranno mancare delle cime più piccole di sezione e di materiali diversi ricordando che il NYLON è ottimo, è sufficientemente elastico ma tende a irrigidirsi nel tempo. Il POLIESTERE è il più usato, economico, robusto, meno elastico del nylon ma più tenace, in genere si predilige quello a tre legnoli. Il POLIPROPILENE anch’esso ottimo anche se più tenero, con la caratteristica però di essere galleggiante e non finire nell’elica.

Un accessorio quasi indispensabile per tutti in fase di ormeggio è l’ammortizzatore. Notoriamente il mare è sempre in movimento, anche in porto, vuoi per la risacca, vuoi per il moto ondoso provocato dalle barche in movimento (soprattutto quelle degli ormeggiatori a tutta birra...). Ammortizzare la cima d’ormeggio è diventato indispensabile tanto più la nostra barca è pesante e quindi con più momento. La cima come detto è già abbastanza elastica di suo e, se passata a doppino, ammortizza il doppio, ma questo non basta.

Soprattutto se dormiamo a bordo, avere una barca che si muove morbidamente al ritmo del moto ondoso, diventerà piacevole e senza rischi. Sì perché i rischi ci sono. Se la sollecitazione è tanta si possono rompere le cime (specie se fanno attrito male a terra o strusciano su bitte o anelli arrugginiti) o, ancora peggio, si può divellere una galloccia (le bitte sono a terra, in barca ci sono le gallocce). Non è una bella esperienza vedere divelta la propria galloccia. Oltre al danno in sé (riparabile solo in cantiere) andremo a ledere e danneggiare i nostri vicini con conseguente denuncia all’assicurazione e via dicendo.

Cosa usare quindi per ammortizzare i nostri ormeggi?

  • Le molle: sono in acciaio inox, robuste ma pesanti e cigolanti. Inoltre hanno necessità di almeno due grilli alle estremità e questo aumenta la criticità della linea. Infatti la maggior parte dei diportisti le mette in sicurezza affiancandogli uno stroppo di catena in bando che, in caso di rottura della molla, impedisce alla barca di andarsene a spasso. Il tutto pesa diversi chili e se cambiamo spesso porto, sarà un impiccio non indifferente.
 
  • Cima avvolta sull’ammortizzatore in gomma: ottima idea se non fosse che la cima avvolta “strizza” la gomma e la logora, inoltre la cima stessa espone le sue “volte” o gobbe allo sfregamento sul pontile o a stress dovuti ad angoli stretti sotto il sole (è pur sempre poliestere).
 
  • Cima alternata a elastomeri. Gli elastomeri sono gomme sintetiche ad alta tenacità studiati per lo scopo. Ne esistono diversi tipi e questo per me è il miglior compromesso insieme alle cime con l’elastomero interno alla calza. Ogni volta che il tutto va in tiro, la calza comprime la gomma internamente aumentandone esponenzialmente la resistenza. Costa poco ed è molto leggero e performante.
 
  • Un’altra valida soluzione sono le molle in gomma, un sistema ibrido che unisce leggerezza (rispetto alle molle metalliche) e resistenza all’usura.
 

Decidete quindi quella che fa al caso vostro in base anche alle navigazioni che effettuate e alla dimensione della vostra barca.   



 

Marco Scanu, diplomato al nautico, conduttore imbarcazioni, si occupa di comunicazione soprattutto in campo nautico.



  • Pubblicato il
  • 01/06/2019

Email Newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
  • pagamenti